Come risolvere il problema delle nuove SMART CARD

headacheLe nuove SMART CARD introdotte dalle Camere di Commercio hanno fatto venire un bel mal di testa agli utilizzatori ed ai produttori degli Smart Card Reader.

Che cosa è accaduto ?

A partire dal mese di Febbraio di quest’anno le Camere di Commercio delle varie città hanno iniziato a consegnare una nuova tipologia di Smart Card. smart_card_technology Queste card, abilitate alla firma digitale e già conosciute con il nome di “Carta Nazionale dei Servizi” o CNS, sono però diverse da quelle immesse sul mercato negli anni precedenti. Le nuove Smart Card utilizzano dei chip diversi da quelli del passato ed inoltre eseguono la Firma Digitale a 2048 bit.ReGold.it-firma-digitale-3

La maggior parte degli utenti, una volta ricevute le nuove Smart Card (CNS), hanno cercato di utilizzarle con i lettori e con i software già in loro possesso. Peccato però che le cose non erano così semplici e che, per far funzionare le card, erano necessari dei NUOVI requisiti hardware e software. Queste informazioni non sono giunte alla maggior parte dei clienti i quali hanno iniziato a palesare i primi problemi.

In questi mesi lo staff di Atlantis ha lavorato in maniera continuativa alla ricerca della soluzione affrontando la difficoltà di interfacciamento e di reperimento delle informazioni necessarie dai produttori delle card.

I produttori:

Attualmente in Italia due società hanno l’appalto per la realizzazione delle card CNS; le Camere di Commercio italiane possono utilizzare l’una o l’altra:

  • ARUBA: Carta Bianca con bande rosse e blu riportante sul retro Aruba Pec
  • Infocert: Carta Blu recante la scritta Infocert

carta-dei-servizi-Aruba fd-smartcard-big-4

Le card ed i Chip:

Chip smart cardSu ogni card è installato uno specifico chip. Non molti sanno che la Card, per poter funzionare correttamente, richiede di installare sul PC il “driver del Chip”. I produttori delle card utilizzano chip differenti, pertanto sono necessari driver differenti.

La difficoltà in cui ci siamo imbattuti è stata quella di reperire tutte le informazioni da parte dei produttori delle Card.

I software di utilizzo:
Presso il sito di infocamere erano indicati i software che loro proponevano per il corretto funzionamento delle Smart Card (CNS). Informazione che si è rivelata non completamente corretta.

dike

fileprotector

 

 

 

I driver dei lettori Smart Card:

I lettori Smart Card di nuova generazione, in abbinata con le vecchie Smart card, funzionavano bene senza l’ausilio di driver specifici; era sufficiente collegarli al computer ed in automatico si installavano i driver standard di Windows.

Che cosa abbiamo scoperto?

  1. Pulizia:  Gli utilizzatori dovevano effettuare una pulizia del proprio sistema rimuovendo tutti i vecchi software di firma, i vecchi driver delle carte e dei vecchi lettori, il vecchio middleware e quanto altro riferito alle vecchie installazioni.
  2. Driver:  I driver standard di Windows non erano sempre compatibili con i software di firma, in particolar modo abbiamo evidenziato che i driver generici di Windows-7 (32 e 64 bit) NON permettevano di poter firmare digitalmente e spesso nemmeno di leggere le card. Nel caso di Windows 8 e 10 i driver standard potevano risultare compatibili ma era comunque preferibile utilizzare dei driver nativi. Per il prodotto Atlantis P005-SMARTCR-U  abbiamo messo a disposizione un driver compatibile con tutti i sistemi operativi a partire da Windows 7 in avanti a 32 e 64 bit.
  3. Le Card:  La maggior parte delle card di nuova generazione non erano compatibili con i lettori Smart Card venduti parecchi anni prima. Attenzione non erano i lettori a non essere compatibili. I lettori, quando erano stati immessi sul mercato dai vari produttori, erano perfettamente compatibili con quanto richiesto dalla Carta Nazionale dei Servizi in quel momento.dike6
  4. I Software:  Andavano installati differenti Software di firma digitale ed i driver specifici delle card in possesso a seconda che questa fosse di Aruba o di Infocert. Abbiamo inoltre scoperto, dopo lungo peregrinare, che il software per le carte Infocert con i relativi driver, denominato Dike IC 1.0, sebbene indicato sul sito infocamere, NON permetteva la firma a 2048 bit. Era necessario installare due pacchetti di Infocert: Il Dike 6 ed i relativi driver delle card.

 

Per approfondire la problematica, per ricevere una spiegazione Passo Passo di come risolverla e per avere maggiori delucidazioni in merito alla soluzione per lo smartcard reader Atlantis modello P005-SMARTCR-U  vi rimandiamo alle istruzioni dettagliate presenti al seguente LINK.

P005-SMARTCR-U_200

Oggi possiamo ritenere che lo Smart Card Reader Alantis modello P005-SMARTCR-U  sia compatibile con le Smart Card della Carta Nazionale dei Servizi o CNS emesse dalla camera di commercio e prodotte da Infocert ed Aruba.

29 thoughts on “Come risolvere il problema delle nuove SMART CARD

      1. Chiedo scusa, frustrazione , 3498138805 non ho risolto con il Vostro lettore nonostante abbia seguito le Vostre indicazioni, siccome ne ho diversi mi piacerebbe risolvere
        grazie
        Poz & Poz

  1. lettore con driver per LINUX ?
    NOOO! giammai, orrore, cos’è LINUX ? si mangia ?

    Io mi rifiuto di usare windows, quindi ? resto senza l apossibilità di gestire una CNS ?
    Grazie signori ! molto buoni ! veramente.

    1. Buon giorno. Una lezione che ho imparato è che se si deve fare una cosa si deve farla bene. Per dare un adeguato supporto in Linux non è sufficiente realizzare un prodotto più o meno compatibile ma garantire la compatibilità passata/presente/futura con le varie release e distribuzioni. E’ quindi necessario strutturarsi per essere in grado di garantire questo servizio. Stessa identica cosa per MAC (che poi si basa su Linux). E’ ovvio che non si può farlo per un solo prodotto. O almeno non si può farlo in maniera SERIA. Scrivere compatibile Linux o MAC e poi non essere in grado di garantire certi standard di servizio e di risposte e di verifica di compatibilità è meglio non farlo. Diciamo che noi preferiamo non farlo. Quindi si ! Al momento non siamo in grado di soddisfarla e preferiamo che acquisti un prodotto della concorrenza che speriamo sia in grado di offrirle i giusti standard.
      Saluti

  2. Buonasera,
    ho seguito passo passo l’installazione del driver per lo Smart Card Reader Atlantis modello P005-SMARTCR-U (ver 3.0) e realmente ho risolto il problema di lettura delle nuove Cns con firma a 2048 bit distribuite dalla CCIAA. Tuttavia ora il pc all’accensione :
    – se lascio dei dispositivi nelle porte usb anteriori non riesce a far partire Windows
    – se le porte usb sono libere, parte Windows regolarmente , ma il pc resta piantato (come se stesse caricando chissà che) per un tempo variabile tra i 7 e i 10 minuti, prima di consentirmi di utilizzarlo.
    Premetto che normalmente, prima dell’operazione driver, in 2 minuti aveva finito di caricare ed era disponibile al lavoro; la macchina utilizza Windows 7 professional sp1 32bit e Intel Core 2 Quad cpu Q8300 2,50 GHz 2,50 GHz memoria installata 4gb (3,25 utilizzabile).
    Qualche soluzione o aggiornamento del driver per farlo digerire interamente al mio pc?
    Ringraziando per quanto Vi sarà possibile, porgo cordiali saluti.
    G.V.

    1. Buon giorno. Il problema dei dispositivi collegati su USB che non fanno patire Windows, questo può accadere perché nel Bios può essere impostato il Boot da USB. In questo caso il PC rilevando la presenza di un device su USB tenta di fare un booth e rimane impallato per del tempo. E’ sufficiente entrare nel BIOS del PC e disabilitare il Booth da USB o comunque metterlo dopo il booth da disco fisso.
      Nel secondo caso possiamo ipotizzare che la causa non sia il driver ma uno dei programmi installati per la gestione delle card. Ci è capitato in alcuni casi su dispositivi Windows 7 e qualche applicativo. Può fare alcune prove:
      a) Disabiliti o rimuova il driver se il problema persiste non è lui la causa.
      b) Provi a rimuovere dall’avvio automatico i processi legati a questi nuovi software. Guardi la foto allegata. Clicchi su start e scriva msconfig. Lo lanci, clicchi su avvio. Avrà l’elenco dei processi che si avviano automaticamente. Deflagghi quelli relativi ai nuovi processi e quelli inutili e veda se la situazione migliora.
      Distinti saluti

      1. Grazie per le cortesi risposte. Ho seguito le Vostre indicazioni, senza ottenere alcun risultato; o meglio, rimosso il driver, non ho ottenuto nessun miglioramento. Alla fine, la ricerca del problema ha portato ad individuare un problema al disco rigido, che ho dovuto sostituire. La concomitanza del problema verificatosi, con l’installazione del driver, mi aveva indotto ad una errata correlazione degli eventi.
        Cambiato il disco fisso e ripristinato tutto il contenuto così com’era (comprensivo del driver da Voi rilasciato), il pc è ripartito e non manifesta nessun problema : il lettore Atlantis legge perfettamente le nuove card a 2048 bit.
        Vi ringrazio per le energie dedicatemi e mi scuso per il tempo “rubato”.
        Ho approfittato dell’evento per installare un disco SSD e le prestazioni sono anche migliorate.
        Nuovamente grazie e cordiali saluti.
        Giovanni V.

    1. E’ proprio questo il punto. Deve forzare il driver con il metodo spiegato nell’allegato. Attenzione che la procedura non è valida per le versioni fino alla 2.1.
      Se ha problemi chiami la nostra assistenza telefonica 02 – 93.55.00.66, dalle 14:30 alle 18, dal lunedì al venerdì che la possono assistere passo passo anche in remoto.
      Saluti

  3. Buonasera, il nostro lettore continua a dare problemi con le smart card che hanno il codice pin salvato sulla cartellina rilasciata dalla camera di commercio nel nostro caso.
    Sono le smart card bianche con scritta in rosso.
    Nessun problema invece per quelle che hanno il codice PIN su scheda a parte.
    Esiste un modo per risolvere questo problema?

    1. Buon giorno mi perdoni ma non capisco cosa intende per PIN salvato sulla cartellina e PIN su scheda a parte. Normalmente le Smart card hanno i un pin che è fornito su un foglio protetto e che deve essere digitato al momento richiesto. Abbiamo verificato che alcune smart card con un determinato ATR non riescono ad essere lette.
      Contatti la nostra assistenza telefonicamente 02 – 93.55.00.66, dalle 14:30 alle 18, cercheranno di assisterla in remoto.
      Saluti

  4. lavoro per un ufficio di assistenza fiscale ed una delle ultime carte rilasciate da ARUBA di tipo Carta Nazionale dei Servizi con codice 7430010003479xxx non viene riconosciuta, nonostante abbia seguito la procedura reperita qui: http://www.atlantis-land.com/download/SUPPORTNOTE/Lettore%20Smart%20Card%20Atlantis%20-%20Soluzione%20finale.pdf
    Il lettore ATLANTIS è il P005-SMARTCR-U (ver. 2.0) tipo T3A405 s/n: 14-K-TA-01137
    Dopo aver seguito tutta la procedura è in grado di leggere le CNS vecchie, con seriale 74300100011xxxxx mentre le ultime non rileva le ultime.
    Utilizzando invece un lettore P/N: B4ID-120004388 (il miniLECTOR di vecchia generazione s/n: 38UC-1429841), sia la nuove carte che le vecchie carte vengono lette senza problemi. Per utilizzare questo lettore B4ID ho semplicemente aggiunto il driver reperito qui: https://ca.arubapec.it/downloads/MU_INCARD_WINDOWS.zip
    Tutte le altre opzioni sono rimaste funzionanti, infatti il lettore ATLANTIS continua a leggere le vecchie CNS e contemporaneamente il lettore B4ID legge sia le nuove che le vecchie CNS.

    Faccio notare che nello studio utilizziamo Smart card di ogni tipo, purtroppo, per il momento, abbiamo dovuto abbandonare ATLANTIS.

    N.B. la forma del chip delle diverse tipologie di carte è la stessa, cioè questa: https://www.pec.it/images/incard.png

    1. Buon giorno mi scusi il ritardo nella risposta. Comunque se il nostro dispositivo è della versione v 2.0 come lei scrive dovrebbe aver trovato segnalato nelle nostre comunicazioni che questo non supporta le nuove card. Il prodotto che le supporta è la versione V-3.0.
      http://www.atlantis-land.com/download/SUPPORTNOTE/Lettore%20Smart%20Card%20Atlantis%20-%20Soluzione%20finale.pdf
      La versione V2.0 è stata immessa sul mercato prima molto tempo prima dell’introduzione dei nuovi chip a 20148 ed era perfettamente compatibile con le card disponibili in quel momento. Il prodotto però non è in grado di gestire le nuove card con i nuovi chip.
      Saluti

    1. Buon giorno. No mi spiace come abbiamo detto la soluione è prevista solo dalla versione v3.0.
      Buona giornata

  5. Buonasera,
    io ho un problema una una smart card ( CNS)
    MA NON RISCO A FARLA FUNZIONARE
    CON UN MAC OS X VERSIONE 10.11.4
    COME POSSO FARE??

    1. Buon giorno se utilizza un lettore Atlantis la informo che il lettore non è certificato per utilizzo su Apple, se usa un altro lettore dove sentire il produttore del medesimo. Inoltre in funzione della sua carta, se aruba o infocert, deve verificare con loro quale software può utilizzare, chiamando il loro call center.
      Le consiglio di armarsi di pazienza.
      Saluti

  6. Terribile. Ho richiesto una nuova Smart card in Camera di Commercio, essendo la precedente scaduta e non più rinnovabile. Non ha alcun senso avere qualcosa di nuovo che poi però non funziona. Mi sono sbattuto inutilmente nella fretta di firmare pratiche edilizie e ho perso tempo prezioso (ai clienti non interessa se sono problemi tuoi). E’ una cosa vergognosa. La procedura è anche piuttosto complicata. A sto punto che venga rilasciato un nuovo software.

    1. Buon giorno, mi spiace del ritardo. Come abbiamo spiegato nella procedura, questo non dipende dall’hardware o dai driver forniti, la cosa per lo più dipende da modifiche ai chip ed al software di gestione fornito dai produttori delle card e dalle non chiare informazioni rilasciate.
      Saluti

  7. Lavoro con diverse smart card per conto dei clienti e ne gestisco circa 40, molte sono diverse tra loro. Ci sono quelle bianche e blu di infocamere quelle Bianche e bordò, quelle fornite da Buffetti, alcune hanno i chip Incard altre Athena e nonostante la giungla delle guide e l’installazione di tutti i driver, i problemi ci sono sempre. Periodicamente non legge una card oppure avviene un conflitto driver che manda in crash il pc con schermate blu appena si inserisce la card nel lettore. Bisogna giostrarsi con vari software per firmare Arubasign, File Protector, Dike, purtroppo non tutte le procedure che utilizziamo lavorano soltanto con Dike. Il problema di oggi è che alcune card bianche e bordò non vengono viste dal software aziendale, il tipo di chip è incard la cosa strana che altre gemelle le legge. Vedendo le proprietà delle card, quelle che non vengono viste sono prodotte da Bit4id modello JS2048(LB) le altre gemelle che legge sono prodotte da ST Incard modello T&S DS/2048 (LB) dati rilevati con Dike util che le vede tutte. Il lettore che utilizzo è un vecchio MiniLector 38U. BUUUUUUUUUUUUUUUUUUU NON MI SPIEGO PERCHE’ I PROBLEMI SI VERIFICANO SEMPRE SOTTO LE SCADENZE….

  8. buongiorno, qualcuno sa cosa significa : ERRORE INTERNO AL DISPOSITIVO ?
    ho già scaricato la versione aggiornata del driver… e questo naturalmente è successo soltanto con la nuova smart card ( quella Aruba ) , fino a prima nessun problema

    1. E’ probabile che il dispositivo non riesce a comunicare con la smart card. Ha seguito la procedura indicata di installazione ?

  9. Buongiorno, premetto che un paio di mesi fa siamo stati costretti a farci rilasciare una nuova smart card dalla CCIAA.
    Da qualche giorno se provo ad utilizzare DIKE6 compare la scritta che Kernell32.dll é probabilmente assente (ovviamente la ddl invece esiste) e il programma non parte. Se utilizzo DIKE il lettore ATLANTIS P005-SMARTCR-U inizia a lampeggiare e , anche se il programma parte, in realtà non viene riscontrato nessun certificato
    Ho ovviamente URGENZA di firmare un documento !

    1. Buon giorno. Ha seguito la procedura di installazione suggerita. vedo che usate Dike 6 e Dike, ma se li avete installati entrambi sullo stesso PC non può funzionare. Per funzionare Dike 6 deve avere il PC ripulito da tutte le vecchie installazioni. Guardi la procedura guidata. Tale procedura è aggiornata allo scorso anno. Contrariamente deve contattare i fornitore della smart card. Le suggerisco di lavorare su un PC vergine.
      Saluti

Rispondi a Alessandro Lega Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *